Rischi ed effetti Collaterali del più famoso Antinfiammatorio: L’OKI

L’Oki è il farmaco più usato come infiammatorio, a base di Ketoprofene, ed è in grado di eliminare velocemente il dolore. State però attenti, ecco i suoi effetti collaterali.

Ketoprofene, attenzione ai suoi effetti

L’Oki, prodotto dall’azienda Dompè farmaceutici SPA, è il farmaco che ha avuto maggiore successo negli ultimi anni e fa parte della categoria FANS cioè farmaco anti-infiammatorio non steroideo dalle proprietà analgesiche, antipiretiche e antinfiammatorie.
In pochi minuti è in grado di eliminare il dolore, abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione.
Sono davvero tanti i farmaci che utilizziamo con effetti collaterali e controindicazioni che non vanno sottovalutate a causa della loro gravità.
Pertanto, prima di assumere l’Oki, è importantissimo consultare il proprio medico di famiglia e stabilire per quanto tempo assumerlo.

Effetti collaterali

Tra i tanti pazienti intervistati dopo l’utilizzo dell’Oki, più dell’80% di loro ha riferito di aver avuto degli effetti collaterali abbastanza rilevanti già al primo utilizzo del medicinale.
Effetto collaterale molto comune è tra questi la fotosensibilità, ovvero, una reazione della pelle alla luce solare che può far emergere prurito, eritema e vera e propria orticaria.

Altri hanno manifestato, dopo l’utilizzo, mal di testavertiginigravi disturbi gastrointestinali come nausea o vomito. Il motivo deriva dal fatto che l’Oki ha un’azione gastrica molto tossica, superiore ad altri FANS; pertanto è consigliato assumere l’Oki solo in associazione con dei  gastroprotettori.
Possono inoltre comparire anche stitichezza e dolori addominali e nei casi più gravi anche ulcere, emorragie e perforazioni intestinali.
Ulteriore controindicazione che può manifestarsi durante l’assunzione è la leucopenia (un calo improvviso di globuli bianchi), la piastrinopenia ( il calo delle piastrine) e la granulocitosi (la riduzione del numero dei granulociti).

Interazioni

Le persone che normalmente sono allergiche all’aspirina o ad altri Fans non devono assumere l’Oki.
Chi ha problemi gravi di gastriti deve evitare l’utilizzo di questo farmaco. Anche chi in passato ha sofferto di perforazione, sanguinamento o ulcere, dovrebbe astenersi completamente dall’l’utilizzo.

Se siete dei fumatori o avete dei problemi ai reni o al fegato, prima di assumere l’Oki, dovete consultare il vostro medico poiché potrebbe essere pericoloso.
Sconsigliato è assumere l’Oki con altri medicinali come anticoagulanti, litio e diuretici poiché la loro interazione potrebbe creare dei problemi.
Informatevi presso la farmacia di fiducia o presso il vostro medico di famiglia prima di ogni utilizzo.
Infine ricordate di non assumere alcol durante l’assunzione del farmaco poiché aumenta vertiginosamente il rischio di sanguinamento gastrointestinale.

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO TRAMITE I PULSANTI QUI SOTTO ↓ ↓

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram