Il gruppo sanguigno può determinare il rischio di malattia e la gravità dei sintomi di Covid-19 che possono verificarsi al momento del contagio

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Secondo le conclusioni di due studi scientifici, è quasi improbabile che i soggetti con gruppo sanguigno 0 siano positivi per Covid-19 o siano affetti da effetti gravi patologie.

Alcuni mesi fa, diversi ricercatori hanno scoperto che il gruppo sanguigno è correlato al rischio di Covid-19. Un nuovo articolo è confermato da due studi pubblicati sulla rivista Blood Advances il 14 ottobre 2020.

Secondo i risultati di un articolo pubblicato su Sudouest, i soggetti con gruppo sanguigno ” 0 ” hanno meno probabilità di risultare positivi al  coronavirus. Tuttavia, queste conclusioni richiedono una ricerca più approfondita per determinarne la certezza. Dopo aver registrato 40 milioni di casi di infezione, la comunità scientifica continua a condurre ricerche per comprendere meglio il meccanismo che ha prevenuto la pandemia Covid-19.

Nelle conclusioni raggiunte da alcuni ricercatori, è stato riscontrato che il gruppo sanguigno gioca un ruolo centrale nell’esposizione a malattie infettive.

Due studi recenti hanno indagato un argomento che ci permette di comprendere meglio l’argomento. La prima parte di questo lavoro ha comportato un’indagine sulla popolazione danese. Il team ha analizzato campioni di oltre 473.000 persone che sono state testate per il coronavirus. Tra i pazienti positivi, va notato che la percentuale più alta di persone sono i gruppi A, B e AB. La percentuale di soggetti con gruppo sanguigno ” 0 ” era molto inferiore.

Il gruppo sanguigno è associato al rischio di contrarre il Covid-19: studio canadese

Il secondo studio è stato condotto in Canada, nel quale sono stati analizzati 95 pazienti con gravi malattie ricoverati a Vancouver.

Gli scienziati hanno scoperto che rispetto ad altri pazienti con Covid-19, le persone con gruppi sanguigni A e AB hanno maggiori probabilità di subire la ventilazione meccanica a causa di danni polmonari più gravi.

I ricercatori hanno anche scoperto che i casi di insufficienza renale e dialisi erano più alti nei gruppi A e AB. Il team di ricerca ha anche scoperto che i soggetti con due gruppi sanguigni avevano degenze ospedaliere più lunghe.

In base alle conclusioni degli scienziati, la media era di 13,5 giorni rispetto ai 9 giorni per i pazienti con i gruppi B e 0.

Ma hanno evidenziato che non c’era alcuna differenza nella casistica di pazienti con gruppo 0 o B e A o AB deceduti durante la loro permanenza in ospedale.

Le conclusioni degli scienziati su tale argomento di grande interesse clinico

Il dottor Mypinder Sekhon, autore del Canadian Research and Critical Care Doctor presso il Vancouver General Hospital, ha dichiarato in un’intervista alla CNN: “Come medico,  tengo a mente questo dato quando visito i pazienti e li seleziono. Ma in termini di marcatore finale, abbiamo bisogno di risultati più coerenti in diverse giurisdizioni che dimostrino la stessa cosa.

Se hai il gruppo sanguigno A, niente panico. Inoltre, se il tuo gruppo sanguigno è 0, non puoi andare liberamente nei bar e nei pub. “L’esperto ha concluso nel suo intervento.

Per il Dr. Sekhon, le persone con Gruppo 0 hanno meno fattori chiave di coagulazione del sangue, il che li renderebbe meno esposti al rischio di soffrire di disturbi della coagulazione del sangue.

Per motivare la correlazione tra Covid-19 e gruppo sanguigno ha inoltre chiamato in causa gli antigeni dei gruppi sanguigni ed il loro ruolo nella produzione di anticorpi.

Lo specialista anche ha fatto riferimento alla possibile associazione dei geni con questi diversi gruppi ed il loro impatto sui recettori del sistema immunitario.

Uno studio pubblicato nel mese di giugno sul New England Journal of Medicine ha messo in evidenza che gli individui con gruppo sanguigno A potrebbero essere più vulnerabili al Covid-19, ma non si devono tralasciare altri fattori di rischio che incidono più pesantemente.

Secondo la tesi di Torben Barington, professore clinico all’Odense University Hospital ed autore dello studio danese non si conosce ancora se c’è qualche tipo di protezione offerta dal Gruppo 0 o se si tratta di una maggiore vulnerabilità da parte degli altri gruppi sanguigni.

Il Dottor Barington è però convinto che questi risultati siano di interesse scientifico, e che i meccanismi scoperti siano utili per fornire una migliore assistenza terapeutica.

Sebbene ci siano diverse opinioni in merito su tale tema, i ricercatori non sanno ancora quale sia il vero meccanismo che potrebbe spiegare la diretta associazione tra Covid-19 e gruppo sanguigno, perciò proseguono le osservazioni scientifiche.

CONDIVIDI L’ARTICOLO SE L’ HAI TROVATO INTERESSANTE DIRETTAMENTE DAI TASTINI QUI SOTTO  ⤵️ 

Facebook
WhatsApp
Telegram
error: Contenuto Protetto!!!