Il 40% dei tumori è prevenibile: le 9 regole da seguire secondo gli Oncologi

Il tumore, definito anche “male del secolo” colpisce un’altissima percentuale di persone di qualsiasi età. Quello che molti non sanno, è che il tumore non è segno di un Dio maligno che ci vuole infliggere dolore o sofferenza. Ammalarsi di tumore non è una fatalità né una sfortuna dettata dal destino avverso. Le neoplasie spesso si generano da alterazioni del DNA, e questo è sicuramente vero, ma le modifiche a livello genetico non nascono casualmente come si ipotizzava fino ad oggi. Anzi, sono condizionate da altri fattori che dipendono dalla propri volontà. A dirlo è uno studio realizzato dai ricercatori dell’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) e dell’Università Statale di Milano in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, pubblicato sulla rivista Nature Genetics.

Bastano pochi semplici accortezze per evitare di contrarre la patologia. Un ambiente sano e privo di inquinamento unito ad uno stile di vita corretto composto da dieta bilanciata, esercizio fisico e senza eccessi (fumo, droga, alcool o quant’altro) permettono di avere una discreta sicurezza di non ammalarsi mai di tumore.

Il 40% dei tumori, pertanto,  è potenzialmente prevenibile. Queste le principali misure da adottare secondo l’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom):

– stop al fumo: il 25-30% di tutti i tumori è correlato al consumo di tabacco. Ogni anno, nel mondo, tre milioni di persone perdono la vita per questa causa.

– no all’ alcol: il consumo di alcol aumenta il rischio di cancro del cavo orale, faringe, esofago e laringe. È inoltre fortemente correlato anche all’insorgenza di tumore del fegato, dell’intestino e della mammella nelle donne.

 via libera alla dieta mediterranea: aumentare la quantità di cibi come olio d’oliva, cereali integrali, frutta e verdura, significa non dare possibilità al tumore di generarsi.
L’azione positiva è legata in particolare all’alto contenuto di fibre (che favorisce la maggior motilità intestinale, impedendo l’assorbimento di eventuali sostanze cancerogene) e all’elevata presenza di agenti antitumorali quali le vitamine antiossidanti.

– occhio al peso: l’obesità e l’elevata assunzione di grassi costituiscono importanti fattori di rischio da evitare.

– via libera allo sport: il 40% delle persone che vivono una vita sedentaria sviluppano il cancro.

 no all’abbronzatura artificiale: le lampade sono considerate cancerogene al pari delle sigarette. Un’esposizione precoce incrementa del 75% il rischio di melanoma. La presenza di nèi è inoltre indice di una maggiore predisposizione alle neoplasie della pelle, vanno quindi controllati.

– proteggersi dalle malattie veneree: il 20% dei tumori deriva da infezioni prevenibili. Alcune, come epatite o Hpv, possono venire trasmesse con i rapporti sessuali. Per proteggersi è bene utilizzare sempre il preservativo.

evitare steroidi: gli steroidi anabolizzanti comportano un aumento del rischio di tumori.

– prevenzione sempre: in Italia, il Servizio sanitario nazionale fornisce gratis accertamenti per la diagnosi precoce oncologica. In particolare per: tumore del seno (mammografia ogni 2 anni per le donne tra 50 e 69 anni); cancro del collo dell’utero (Pap-test ogni 3 anni per le donne tra 25 e 64 anni); tumore del colon-retto (per uomini e donne ricerca del sangue occulto nelle feci ogni 24 mesi tra 50 e 69 anni).

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO CLICCA SUL TASTINO MI PIACE E CONDIVIDI L’ARTICOLO TRAMITE I PULSANTI QUI SOTTO ↓ ↓

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram