Covid, Natale solo con “i familiari di primo grado”. Cosa significa e come si stabilisce chi sono i parenti più stretti?

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

La sottosegretario alla Salute Sandra Zampa con il suo annuncio: “Presto le regole per il Natale, cenone solo con familiari di primo grado” ha creato un pò di confusione nei cittadini. Dopo le restrizioni legate alla classificazione in zone di diverso livello di rischio, si attendono le disposizioni per le festività di Natale. Il Covid condizionerà anche il Natale che si preannuncia diverso quest’anno. Dopo le prime dichiarazioni su un cenone da passare in famiglia solo con i familiari di primo grado, è esploso il panico. Oltre a non tollerare l’ennesima limitazione anti Covid, molti hanno iniziato a chiedersi come si può stabilire chi sono i parenti più stretti. Infatti, una simile classificazione si apre a diverse interpretazioni come è già successo con il termine congiunti.

La società moderna presenta delle maglie di definizioni più larghe rispetto al convenzionale modello di famiglia legato al passato. Sono tante le famiglie allargate, le coppie non sposate e quindi sorgono dei quesiti su tale tema.

In vista del Natale, si prevedono delle nuove norme volte a gestire i contagi elevati, quindi sarà improbabile passare le festività come sempre.

Covid, Natale solo con i familiari di primo grado

Covid, Natale solo con “i familiari di primo grado”

Si attendono chiarimenti sulla definizione dei familiari di primo grado, che ha creato già tanta confusione. Questo perché quando il Governo parla di familiari, sembra avere le idee non molto chiare.. Nella definizione di primo grado rientrano genitori e figli. Ma ogni genitore è a sua volta figlio, e parecchi figli sono già genitori. Questa attribuzione di parentela apre a diverse interpretazioni e dubbi.

Ci si chiede quindi come si potrà rispettare la direttiva del Governo su tale materia. Inoltre non pochi si chiedono se si effettueranno maggiori controlli anche porta a porta ma una cosa è certa: sarà un Natale diverso da quello conosciuto e vissuto da sempre sia per le misure anti Covid che per il clima di emergenza.

Covid 19 Natale solo con i familiari di primo grado

Inoltre è chiaro che non sono neanche ipotizzabili i cenoni allargati e le grandi rimpatriate di famiglia. Si chiede dunque ai cittadini un altro grosso sacrificio necessario per evitare ulteriori restrizioni. Si dovrà dunque rispettare il monito della sottosegretario alla Salute:“Credo che dobbiamo fare lo sforzo di mantenere quello che abbiamo scelto: mantenere il più possibile il Paese produttivo lasciando il tempo necessario alle misure di mostrare la loro efficacia”.

CONDIVIDI L’ARTICOLO SE L’ HAI TROVATO INTERESSANTE DIRETTAMENTE DAI TASTINI QUI SOTTO  ⤵️ 

Facebook
WhatsApp
Telegram
error: Contenuto Protetto!!!