Proprietà Benefiche dell’Avocado

Per molte persone è sinonimo di guacamole, la salsa di origine messicana che si prepara appunto con l'avocado. Ma questo frutto verde, che nella forma ricorda una pera e che era già conosciuto e consumato dagli Aztechi (tanto che il nome avocado deriva proprio dall'azteco), può essere utilizzato in cucina in varie ricette ed è un buon alleato per la salute grazie alle proprietà nutritive.

L'avocado è il frutto di un albero, la Persea Americana Mill, originario del Messico e appartenente alla famiglia delle Lauracee. Ne esistono diverse varietà che vengono coltivate in tutto il mondo; la pianta si adatta più facilmente a paesi a clima caldo, tropicale e subtropicale, e i maggiori produttori sono Messico, Repubblica Dominicana, Colombia e Perù, ma si trovano coltivazioni anche in Indonesia, Stati Uniti (soprattutto California e Hawaii), Kenia, Israele e in vari paesi del Centro e Sud America. 
L'albero ha un'altezza media di circa dieci metri, anche se può arrivare fino ai venti, con grandi foglie verdi ovali; il frutto, che può essere lungo fino a venti centimetri e arrivare a pesare da un etto fino a un chilo, presenta una buccia verde o violacea, polpa gialla o verde, un unico grande seme centrale. La pianta, in ogni sua parte, è tossica per molte specie di animali, compresi quelli d'allevamento e di compagnia; l'avocado è invece innocuo per l'uomo, tranne che sui soggetti allergici. 

Leggi anche: Scoperta la Formula Naturale per il Dimagrimento>>>

 

L'avocado in cucina 
Quando si compra un avocado come prima cosa è necessario capire qual è lo stato di maturazione. In genere gli avocado maturano dopo la raccolta e vengono venduti quando sono ancora molto duri, mentre un avocado maturo cede leggermente al tatto se premuto. Se conservato in frigorifero, questo rallenterà il processo di maturazione. Del frutto si consuma solo la polpa, non la buccia né il seme. Poiché tende ad annerire facilmente, in genere si accompagna al lime, che ne rallenta l'ossidazione, come quando si realizza il guacamole. 
L'avocado in genere viene consumato crudo (se cotto il sapore si altera e può risultare amaro e poco gradevole) sia a sé, come normale frutto, sia in insalata. Se maturo la polpa può essere anche spalmata sul pane. Si tratta di una polpa molto morbida, data l'elevata quantità di grassi, dalla consistenza burrosa. 
L'avocado si sposa con carne, pesce ed altre verdure, quindi può essere impiegato in insalata, negli spiedini e come salsa può veramente accompagnare quasi qualsiasi preparazione. Inoltre può essere utilizzato per preparare cocktail. 

La salsa guacamole è senza dubbio la ricetta più famosa a base di avocado. Di origine messicana, molto presente anche nella cucina tex-mex, accompagna i nachos, le tortillas, i burrito, che si tratti di carne di manzo, maiale o pollo, e si sposa anche con il pesce. La ricetta era conosciuta già dagli Aztechi. La variante "pura", originale, prevede tre ingredienti: la polpa schiacciata dell'avocado, il succo di lime che dà acidità e contrasta il grasso oltre ad evitare l'ossidazione, e il sale. Nelle varianti più originali si possono aggiungere anche pepe o peperoncino, scalogno o pomodoro ed altri ingredienti, il tutto secondo il proprio gusto. 

Proprietà salutari 
L'avocado ha molte qualità, ma non quella di essere ipocalorico: un avocado può arrivare facilmente a 500 kcal. Alla notevole quantità di calorie però si accompagnano le proprietà nutritive e la ricchezza delle sostanze contenute, come le vitamine e i sali minerali, soprattutto il betacarotene e il potassio (molto più presente in questo frutto che nelle banane). Insieme al potassio l'avocado è anche ricco di magnesio, il che aiuta nel mantenere in equilibrio la pressione del sangue. 
Anche i grassi, che nella ricca polpa di questo frutto abbondano, risultano utili. Si tratta infatti di grassi monoinsaturi, quindi non solo non sono nocivi, ma hanno anche effetti benefici sul sistema cardiovascolare, poiché aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo; ciò avviene grazie alla presenza dell'acido oleico omega 9, che abbassa il livello di trigliceridi, e dei fitosteroli. Inoltre grazie alla loro presenza l'organismo può assorbire una notevole quantità di vitamina E e non solo, perché questo tipo di grassi aiutano ad assorbire anche altre sostanze presenti in altri cibi, come il betacarotene. 
Una particolarità importante dell'avocado è che inoltre è ricco di acido folico. La notevole quantità di fibre, al 75 per cento insolubili, aiuta la digestione e l'attività intestinale. Inoltre può essere utilizzato anche per trattamenti estetici: la polpa schiacciata è molto idratante e aiuta il benessere della pelle, soprattutto se secca. 

L'olio estratto dall'avocado si usa sia in cucina sia in cosmetica, ma si tratta di due prodotti differenti ottenuti con diversi processi. 
Un problema connesso all'avocado è la possibilità di allergia, sia al polline della pianta sia al frutto stesso. 

Leggi anche: Il Miglior prodotto per il dimagrimento: ecco quale comprare e dove>>>

Valori nutrizionali 
Un avocado è composto al 64 per cento di acqua, al 4 circa per cento di proteine, al 23 per cento di grassi, di cui più del 18 per cento sono monoinsaturi; non c'è traccia di colesterolo. Quasi il due per cento è rappresentato da carboidrati e più del 3 per cento da fibre. Un etto di frutto crudo fornisce circa 230 kcal. Tra i sali minerali, il più presente è il potassio, in considerevole quantità. Tra le vitamine, l'avocado contiene la A, la C e la E.