Category Archives: Pompelmo

Pompelmo: proprietà e benefici

Proprietà e Benefici del Pompelmo. Il pompelmo è un agrume che arriva dalla Cina, tuttavia le sue origini sono ancora sconosciute. Il pompelmo appartiene alle Rutacee e sono presenti tre principali varietà, rappresentate dal citrus decumana, citrus grandis e cirus maxima.

I fiori de pompelmo sono bianchi, il frutto è giallo e può pesare dai 300 grammi fino ai due chili. Per gustare un ottimo pompelmo, bisogna scegliere quelli con un peso maggiore e privo di macchie sulla buccia e sulla testa.

Oltre a essere gradito per il suo gusto, il pompelmo viene apprezzato per le sue molteplici proprietà.

Le Proprietà ed i Benefici del Pompelmo

Infatti, i benefici del pompelmo sono numerosi, tuttavia questo frutto presenta anche delle controindicazioni. Gli effetti collaterali possono presentarsi nel caso in cui la spremuta di pompelmo venga assunta durante il periodo di una determinata terapia farmacologica.

Tra le tante proprietà e i benefici, il pompelmo viene preferito da tutti coloro che vogliono perdere i chili in eccesso, in quanto questo agrume contiene per 100 grammi soltanto 26 calorie, aiuta anche a digerire meglio trasformando il grasso in energia.

Naturalmente è possibile vedere dei risultati soltanto se l’assunzione di pompelmo viene abbinata a una corretta alimentazione e all’attività fisica.

Assumere almeno tre tazze al giorno di spremuta di pompelmo potrebbe persino sostituire determinati medicinali, come la metformina, indicata specialmente per monitorare il diabete di tipo II e per ridurre il livello di glucosio nel sangue. Tuttavia, non è detto assolutamente che assumere più tazze al giorno di pompelmo facciano solo bene, in quanto a lungo andare potrebbe provocare effetti indesiderati.

La parte più importante del pompelmo, ovvero quella che ha sostanze utili per la riduzione del livello di glucosio, è quella bianca che si trova tra la scorza e la polpa.

I flavonoidi in esso contenuti, regolano i livelli di zucchero nel sangue evitando in questo modo i picchi glicemici, dunque, risulta essere un ottimo aiuto per tutti coloro che soffrono di diabete.

Il succo di pompelmo fa bene?

Il succo di pompelmo rappresenta un prezioso alimento da consumare, in quanto l’agrume vanta anche di proprietà disinfettanti dell’organismo.

Infatti, alcuni studi ritengono che il pompelmo un ruolo fondamentale nel combattere determinate infezioni, come quelle polmonari.

Inoltre, questo frutto è in grado di depurare il sangue, incrementando le difese contro batteri specifici come stafilococco e streptococco. Il pompelmo è un ottimo aiuto in tutti i casi, proprio perché riesce a combattere muffe, herpes e anche lieviti.

È particolarmente indicato per tutti coloro che hanno difficoltà digestive, infatti, risulta essere un valido aiuto per le sue proprietà digestive.

L’effetto positivo della spremuta di pompelmo è particolarmente dovuto alla bromelina, che aiuta a digerire con più facilità le proteine. Per questo motivo viene indicato soprattutto dopo un pasto molto abbondante.

Il pompelmo riduce l’appetito, funzionando come soppressore della fame, permettendo di ridurre la voglia di cibo, e proprio per questo motivo viene inserito nelle diete dimagranti (c’è chi lo considera un vero e proprio brucia grassi naturale).

Il pompelmo può essere un ottimo auto per l’apparato digerente, in quanto va a stimolarlo maggiormente dopo un pasto abbondante. Viene indicato soprattutto ai soggetti che svolgono attività fisica, perché trasforma velocemente il grasso in energia.

Il succo di pompelmo è consigliato anche a chi soffre di problemi di flatulenza.

Alcuni studi scientifici, sostengono che il pompelmo contrasti determinati disturbi del fegato, riesce a donare sollievo a chi soffre di insufficienza renale, ed è considerato anche un valido aiuto contro la fragilità capillare.

Per chi non lo sapesse, questo prezioso agrume è utile per rafforzare il sistema immunitario, prevenendo l’influenza. Tutto ciò è dovuto grazie alla presenza degli antiossidanti in esso contenuti, come anche la vitamina C, il betacarotene e il licopene.

Come ben sappiamo la vitamina C è un potente antiossidante naturale in grado di rinforzare il sistema immunitario, proprio perché permette all’organismo umano di sviluppare una valida protezione contro virus e batteri.

Inoltre, se soffrite di ritenzione idrica o cellulite, il pompelmo risulta essere un valido aiuto in questi casi, grazie a una maggiore quantità di potassio che presenta al suo interno. Il potassio è una sostanza che permette l’eliminazione di liquidi o grasso in eccesso nel corpo umano.

Altre ricerche sostengono che, il pompelmo riduca il colesterolo cattivo nel sangue. Ciò è dovuto alla presenza di pectina nell’agrume, che contribuisce a tenere a bada il livello di colesterolo nel sangue, diminuendone il riassorbimento nel colon.

Grazie al pompelmo, possiamo tenere sotto controllo la formazione di placche nelle arterie, proprio per le sue speciali proprietà benefiche, evitando in questo modo anche le malattie cardiache.

Oltretutto, il pompelmo è ottimo per avere maggiore energia. Infatti, fornisce all’organismo un’elevata quantità di energia proprio per la presenza di fruttosio. Quindi, viene indicato soprattutto per coloro che praticano attività fisica con sessioni intense.

Pompelmo antitumorale e frutto contro l’ipertensione?

Nel pompelmo sono state riconosciute persino proprietà antitumorali, in quanto contiene licopene, ovvero ci riferiamo a un flavonoide con proprietà antiossidanti.

Questa sostanza, dunque, protegge la pelle dai raggi Uva, offrendo anche protezione contro il tumore alla prostata. La buccia di pompelmo è dotata di proprietà antisettiche, che permettono di prevenire alcuni tumori. Invece, il succo di questo agrume, aiuta a proteggere lo stomaco dal rischio di tumore.

Con il succo di pompelmo è possibile anche prevenire l’ipertensione, grazie al maggiore assorbimento del coenzima Q10 che limita notevolmente i danni dei radicali liberi.

Il pompelmo protegge anche il colon, grazie al buon contenuto di pectina, una fibra insolubile che protegge la mucosa del colon. Legandosi a determinate sostanze tossiche riduce i tempi di esposizione del colon, proteggendolo dai tumori e da altre patologie.

Il pompelmo rappresenta un valido aiuto anche per la vista, in quanto contiene proprietà antiossidanti, come vitamina C, vitamina A, licopene, betacarotene, zeaxantina, luteina, naringina e naringenina. Ognuna delle componenti appena elencate, svolge un ruolo importante per la salute degli occhi.

Dunque, le proprietà del pompelmo sono davvero molte, ma questo agrume presenta anche delle controindicazioni. Tutti coloro che non hanno problemi di salute e che non assumono farmaci, possono stare tranquille.

Mangiare tanto pompelmo fa male?

Tuttavia, chi assume determinati medicinali, deve prestare molta attenzione a elevate dosi di succo di pompelmo. Alcuni studi, invece, dimostrano che il succo di questo agrume potenzia gli effetti indesiderati di determinate medicine, inibendo quindi la cura stessa.

Quanto ai farmaci con i quali si sconsiglia l’assunzione di pompelmo, questi sono davvero tanti e la lista è sempre in continua crescita.

Per il momento ne sono stati elencati circa 80, tra i quali c’è la presenza di ansiolitici, antistaminici e antiaritmici. Inoltre, il succo di pompelmo può dare effetti indesiderati anche con farmaci coagulanti, antivirali, chemioterapici e corticosteroidi.

Per questo motivo, bisogna sempre contattare il medico prima di assumere succo di pompelmo. Questo perché, il pompelmo va a interferire con il farmaco anche se viene assunto a un giorno dii distanza.

È consigliato, quindi, far trascorrere almeno 72 ore dall’assunzione sia di uno che dell’altro. Tra gli effetti collaterali che questo può causare, ci sono cefalea, affaticamento e disturbi gastrointestinali. In casi più gravi possono presentarsi anche insufficienza renale, respiratoria, gastrica ed emorragica.

Questi effetti collaterali vengono causati dalla naringina, flavonoide in esso contenuto, che riduce l’attività enzimatica dei CYP3A, impiegata nel fegato per metabolizzare i farmaci.