Category Archives: News

3 Milioni di Italiani Soffrono di Disturbi Alimentari

Sono tanti gli italiani che soffrono di disturbi alimentari, e le motivazioni sono le più varie, dalla genetica alle cattive abitudini alimentari, passando per la mancanza di sport ed attività fisica.

Prima di tutto bisogna capire quali sono i DCA, i disturbi del comportamento alimentare, poiché si tratta di patologie che si caratterizzano per una alterazione delle abitudini alimentari e, generalmente, da una preoccupazione esagerata per il peso o per la forma del corpo.

Leggi anche: Il Miglior prodotto per il dimagrimento: ecco quale comprare e dove>>>

 

Sempre più spesso, questi disturbi, cominciano a comparire già in adolescenza, colpendo prevalentemente le ragazze o le donne. Fra i comportamenti tipici di chi soffre del disturbo del comportamento alimentare ci sono:

  • Il digiuno
  • La restrituzione dell’alimentazione
  • Le crisi bulimiche
  • La fame nervosa
  • Il vomito autoindotto
  • L’assunzione impropria di lassativi o diuretici con il fine di perdere peso
  • L’intensa attività fisica fatta con lo scopo di perdere peso

Chiaramente non è detto che se ci si ritrova in uno di questi comportamenti automaticamente si soffra di disturbi del comportamento alimentare, esistono invece dei criteri precisi per capire se una persona soffre o meno di questo disturbo.

Quali sono i disturbi del comportamento alimentare?

Si annoverano fra i principali disturbi alimentari l’Anoressia Nervosa e la Bulimia Nervosa. Le persone che soffrono di questi disturbi hanno un solo pensiero, il cibo e la tavola: qualsiasi cosa diventa difficile perché si continua a pensare al “Cosa si deve mangiare”, alla paura di prendere peso o di abbuffarsi.

Sono poche invece le persone che, riconoscendo di avere questo problema, chiedono effettivamente aiuto e, questi disturbi sono definiti da alcuni esperti una vera e propria epidemia sociale che sta coinvolgendo fasce di persone in tutto il mondo sempre più estese, ed il problema è che la patologia sta arrivando anche a fasce d’età particolarmente a rischio, vale a dire gli adolescenti ed i bambini in età prepuberale, con conseguenze anche molto gravi su corpo e mente.

Insieme ad anoressia e bulimia c’è anche l’Arfid, noto come Disturbo dell’alimentazione evitante/restrittivo, che colpisce spesso i bambini maschi già dai 2 o 3 anni fino alla pre adolescenza e si manifesta sotto diverse forme, la più diffusa delle quali è l’eccessiva selettività del cibo (prediligere cibi di un determinato colore o di una determinata consistenza), e questo può provocare complicanze anche gravi.

COME SI CURANO I DCA

Decidere di curarsi è già un importante traguardo

Le istituzioni hanno messo a disposizione dei cittadini un numero verde dedicato ai disturbi alimentari(800180969) ed un sito dedicato con la mappa delle strutture e delle associazioni dedicate ai DCA in Italia.

Non sempre le persone che giungono nei centri specialistici hanno già maturato una vera e propria decisione di voler intraprendere una terapia per cercare la guarigione dal disturbo. In ogni caso, il contatto terapeutico permette in questi casi perlomeno di aprire un dialogo e di poter monitorare le eventuali complicanze sia mediche che psicologiche. Se una persona con disturbo dell’alimentazione non è ancora in grado di intraprendere un vero e proprio trattamento, viene di solito iniziato quello che viene definito da molti centri un ‘percorso motivazionale’, ossia un percorso psicologico che ha lo scopo di portare la persona a desiderare il cambiamento e la guarigione.

Essere ‘motivati’ al cambiamento vuol dire:

  • riconoscere di avere un disagio (consapevolezza)
  • sentire che la situazione crea una notevole quota di sofferenza
  • credere nella possibilità di cambiare (senso di efficacia)
  • essere disponibili a “mettersi in gioco”
  • avere la forza e il coraggio di chiedere un aiuto.

Una corretta valutazione diagnostica

Leggi anche: Scoperta la Formula Naturale per il Dimagrimento>>>

 

Per la cura dei disturbi dell’alimentazione è importante rivolgersi a centri specialistici che si occupano specificamente di questi problemi. Questo permette di poter effettuare prontamente una corretta diagnosi differenziale (cioè capire se si soffre di un vero e proprio disturbo dell’alimentazione), di effettuare tutte le valutazioni specialistiche necessarie (psicologiche, psichiatriche, internistiche e nutrizionali) e di ricevere indicazioni corrette sul trattamento da seguire.

Quando un soggetto con disturbi dell’alimentazione arriva ad una struttura specialistica è infatti indispensabile una corretta e attenta valutazione diagnostica. Non tutti i problemi che si manifestano con un alterato comportamento alimentare sono dei veri e propri disturbi dell’alimentazione. E’ importante fare una diagnosi differenziale sia con altre patologie psichiatriche, come la depressione o le fobie, sia con patologie internistiche, come il morbo celiaco o problemi endocrini.

La valutazione iniziale ha anche molti altri obiettivi di fondamentale importanza. Prima di tutto è il momento in cui si inizia a stabilire un rapporto di fiducia. La persona che si rivolge al centro specialistico ha bisogno di sentirsi capita, ma nello stesso tempo ha bisogno di sentire di essere in un centro dove questi disturbi sono conosciuti e affrontati con competenza. Non meno importante, nella fase di valutazione vengono raccolte tutte quelle informazioni che servono al terapeuta per poter capire quale sia il percorso terapeutico più adeguato e poterlo proporre alla persona che ha richiesto la visita.

La valutazione diagnostica ha in genere una durata di 2-4 visite svolte da uno psicologo o uno psichiatra del centro specialistico. La valutazione diagnostica indaga la storia del peso, le abitudini alimentari e gli atteggiamenti riguardo al cibo e al corpo; viene valutata la situazione sociale e familiare, il funzionamento scolastico o lavorativo, le relazioni interpersonali. Possono essere utilizzati oltre al colloquio anche altri strumenti come interviste e questionari autosomministrati.

Se si intravede il pericolo di complicanze mediche o se vi è un dimagrimento o una magrezza rilevante, la valutazione diagnostica va completata da una visita internistico-nutrizionale. Infine, se la persona con disturbo dell’alimentazione è minorenne o comunque vive con la famiglia, è indicata anche una visita per i genitori. Il  coinvolgimento iniziale della famiglia è importante e serve a completare il quadro diagnostico, a cogliere il punto di vista dei familiari, a stabilire un’atmosfera di collaborazione in cui i genitori si sentano partecipi del programma terapeutico, facendo sì che la famiglia possa rappresentare un punto di riferimento anche nel caso in cui la paziente dovesse rifiutare o abbandonare la terapia

 
Il trattamento
Le tappe fondamentali del trattamento nei disturbi dell’alimentazione sono ben riassunte dalle linee guida dell’American Psychiatric Association (APA, 2012):

  • diagnosticare e trattare le complicanze mediche
  • aumentare la motivazione e la collaborazione al trattamento
  • aumentare il peso corporeo (nell’anoressia)
  • ristabilire un’alimentazione adeguata
  • affrontare gli aspetti sintomatologici (dieta, digiuno, vomito, abuso di lassativi, diuretici, iperattività)
  • correggere i pensieri e gli atteggiamenti patologici riguardo al cibo e al peso
  • curare i disturbi psichiatrici associati al disturbo dell’alimentazione
  • cercare la collaborazione e fornire sostegno ed informazioni ai familiari
  • aumentare il livello di autostima
  • prevenire le ricadute

I luoghi del trattamento

Il trattamento dei disturbi dell’alimentazione può essere svolto, a seconda delle necessità, in modo più o meno intensivo. E’ sempre una buona regola iniziare, salvo specifiche controindicazioni, dal trattamento meno intensivo (ossia il trattamento ambulatoriale) perché è il trattamento più efficace e quello che interferisce meno con la vita sociale della persona. Il trattamento ambulatoriale si può quindi considerare il trattamento di prima scelta: solo nei casi molto acuti o in quelli in cui il trattamento ambulatoriale non ha funzionato dovrà essere preso in considerazione un trattamento più intensivo, come il trattamento semi-residenziale in day-hospital o il trattamento residenziale.

Tecniche di trattamento:

- riabilitazione nutrizionale

- terapia cognitivo-comportamentale individuale e di gruppo

- terapia interpersonale

- psicoterapie psicoanalitiche

- psicoeducazione alimentare

- terapie farmacologiche

- terapie familiari

- terapia di riabilitazione cognitiva

- auto-aiuto

 

Quando è necessaria un’ospedalizzazione?

La presenza di complicanze mediche può richiedere un ricovero in regime ospedaliero, che viene di solito effettuato in reparti di medicina (o nutrizione clinica). Questi ricoveri sono in genere relativamente brevi (2-3 settimane) e servono a curare o scongiurare il pericolo di gravi complicanze, ma non sono di solito di per sé sufficienti a ristabilire un peso corporeo adeguato. Possono avvalersi di nutrizione tramite sondino naso-gastrico o (più raramente) per via parenterale, a seconda delle necessità e dei tempi.

La scelta di svolgere un programma terapeutico in regime di ricovero in strutture ospedaliere o in strutture specialistiche a carattere riabilitativo viene operata quando sono presenti i seguenti criteri:

▪ Grave o rapida perdita di peso
▪ Complicanze mediche
▪ Frequenza molto elevata di crisi bulimiche, vomito ed uso improprio di farmaci
▪ Multi-impulsività, comportamenti autoaggressivi, elevato rischio suicidario
▪ Elevata comorbilità psichiatrica (asse I e II)
▪ Elevata conflittualità o scarso sostegno familiare
▪ Mancata risposta al trattamento ambulatoriale
▪ Lunga durata di malattia e fallimento precedenti trattamenti.

Scoperta la Formula Naturale per il Dimagrimento

Scoperta la Formula Naturale per il Dimagrimento: ecco quale comprare e dove

Come tutti gli anni, siamo alle prese con la prova costume. La storia si ripete: a causa degli impegni in casa e fuori, del lavoro o dello studio, anche quest’anno ci siamo trascurate un po’. Il fisico, si sa, ne risente: rotolini di grasso dove prima non c’erano, un po’ di pancia in più e la maledetta cellulite.

Sappiamo benissimo che è troppo tardi per rimediare con la palestra o con la semplice ipo-alimentazione. Tra l’altro, sapevi che mangiare poco – oltre ad essere dannoso – non serve praticamente a nulla? Il nostro corpo è abituato ad “assorbire” un determinato quantitativo di nutrienti e grassi. Se eviti di alimentarlo – diciamo per 15 giorni – al 16esimo giorno qualunque cosa tu mangerai verrà totalmente assorbita. Ecco perché la “semplice dieta” non serve a nulla.

Ma per fortuna la scienza viene incontro a noi ragazze “in carne” offrendo ogni anno ritrovati sempre più raffinati ed efficaci che ci permetteranno di compensare li dove madre natura ci ha un po’ penalizzate.

Quest oggi analizzeremo quello che, a nostro avviso, è il miglior e prodotto per dimagrire. Abbiamo affrontato questa analisi insieme alla Dot.ssa Liza Barnett del Fitness & Coaching Professional di New York, che ha collaborato alla stesura e che ringraziamo apertamente per la disponibilità. Incominciamo: ecco il prodotto che ti farà SICURAMENTE dimagrire prima delle vacanze, i 7 benefici e dove comprarlo al prezzo più economico.

 

 

LA MIGLIORE OFFERTA DEL WEB PER PIPERINA E CURCUMA PLUS 

SCEGLI IL PACCHETTO CHE FA PER TE 

1 Conf. 60 capsule a 49€ 

2 Conf. 120 capsule a 59€

3 Conf. 180 capsule a 69€

I 7 Benefici di Piperina e Curcuma Plus

I 7 Benefici di Piperina e Curcuma:

 

1 Riattiva il Metabolismo:

Piperina e Curcuma Plus, grazie agli estratti vegetali del Pepe nero e della Curcuma riattivano il metabolismo bruciando i grassi adiposo. La Curcuma ha proprietà dimagranti, grazie al rizoma ricco di Curcumina e altri curcuminoidi, tuttavia il suo effetto dimagrante, se assunta da sola, sarebbe molto lento, ma grazie alla Piperina, un alcaloide caratteristico del Pepe nero che, oltre ad avere numerose proprietà, tra cui quelle toniche e termogeniche, favorisce l’assorbimento di diversi principi attivi, tra i quali i curcuminoidi, velocizzando il suo effetto Dimagrante di ben 3 volte.

COMPONENTI ATTIVI

Pepe Lungo: la piperina è un alcaloide caratteristico del pepe nero che, oltre ad avere numerose proprietà, tra cui quelle toniche e termogeniche, favorisce l’assorbimento di diversi principi attivi, tra i quali i curcuminoidi.

Curcuma: proprietà dimagranti derivanti dal rizoma ricco di curcumina e altri curcuminoidi. Favorisce inoltre la funzione epatica e digestiva.

 

2 Combatte la Cellulite:

Piperina e Curcuma possiede note proprietà lipolitiche, diuretiche e antinfiammatorie, utili per il trattamento degli accumuli della cellulite.

3 Combatte la fame:

Soffrire la fame quando si è a dieta rischia di far naufragare i migliori propositi. Ma Piperina e Curcuma serve anche per controllare l'appetito. I suoi principi attivi infatti migliorano la funzionalità della leptina, un ormone proteico che segnala al cervello quando è il momento di smettere di mangiare.

Se la grelina, secreta dallo stomaco, è l'ormone che stimola l'appetito, la leptina, sintetizzata a livello delle cellule adipose, è quello che lo blocca. Avere una forma di resistenza nei confronti della leptina, condizione che la curcuma contribuirebbe a contrastare, porterebbe a mangiare più del necessario e quindi, ovviamente, a ingrassare.

Se invece la fame è di tipo nervoso, ovvero è scatenata da situazioni di ansia o stress, ecco che in soccorso ci viene la capacità della curcumina di incrementare i livelli di serotonina e dopamina, due neurotrasmettitori coinvolti nella regolazione dell'umore, proprietà che ha fatto della spezia uno dei rimedi utilizzati anche nel trattamento della depressione.

 

4 Un aiuto contro infiammazioni e allergie:

La curcumina, il principio attivo primario della radice di curcuma, è in grado di inibire il rilascio di istamina, la molecola che attiva la reazione allergica. L’istamina può innescare ad esempio focolai di eczemi ed è nota anche per aumentare l’infiammazione nelle persone che soffrono di asma.

Diversi studi sia su animali sia sull'uomo, indicano che la curcumina può colpire diverse cellule del sistema immunitario, come i linfociti T, macrofagi, linfociti B e le cellule natural killer, determinando la diminuzione della gravità di varie malattie legate ad alterazioni della risposta immunitaria. È per questo motivo che Piperina e Curcuma può essere un utile supporto a chi soffre di condizioni allergiche.

 

5 Un toccasana per la pelle:

I guaritori ayurvedici utilizzavano la curcuma fresca per il trattamento di alcune malattie della pelle, tra cui l’acne e la psoriasi. Ciò che è certo oggi è che Piperina e Curcuma possa aiutare a proteggere i tessuti dai danni ossidativi e migliorare in modo significativo rimodellamento tissutale. Grazie dunque alle proprietà antiossidanti ci aiuta nel combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce delle cellule.

6 Un sostegno per la mente:

Un interessante studio del Dr Tze-Pin Ng ha dimostrato come persone over 60 anni che consumano curry (la cui componente base è la curcuma) sia saltuariamente sia costantemente, abbiano una performace cognitiva superiore a coloro che invece non hanno mai consumato curry.

Alcuni studi di laboratorio hanno mostrato che la proprietà neuroprotettiva di Piperina e Curcuma potrebbe giocare a favore del controllo di alcune malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Inoltre stimola la produzione della molecola DHA (acido docosaesaenoico), molto importante per la funzionalità cerebrale ed è anche in grado di ridurre gli stati di ansia.

 

7 Un’amica della salute in generale:

Come abbiamo visto, questa spezia può essere di grande aiuto per la nostra salute in generale grazie alle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti in primis. Non sottovalutiamo anche il suo ruolo antibatterico ad esempio durante l’inverno e malanni di stagione. Vi sono diversi studi che dimostrano come l’utilizzo della curcuma, anche insieme agli antibiotici, sia in grado di accelerare l’efficacia dei farmaci e di favorire il recupero da una infezione.

Troviamo poi evidenze di un effetto positivo della curcuma nei pazienti affetti da diabete e alcuni studi effettuati nei ratti mostrano un beneficio contro l’ipertensione. Infine ricordiamo che la curcuma è un ottima alleata del fegato, aiutandolo nella depurazione e disintossicazione.

 

 

LA MIGLIORE OFFERTA DEL WEB PER PIPERINA E CURCUMA PLUS 

SCEGLI IL PACCHETTO CHE FA PER TE 

1 Conf. 60 capsule a 49€ 

2 Conf. 120 capsule a 59€

3 Conf. 180 capsule a 69€

Il Miglior prodotto per il dimagrimento: ecco quale comprare e dove

Il Miglior prodotto per il dimagrimento: ecco quale comprare e dove

Come tutti gli anni, siamo alle prese con la prova costume. La storia si ripete: a causa degli impegni in casa e fuori, del lavoro o dello studio, anche quest’anno ci siamo trascurate un po’. Il fisico, si sa, ne risente: rotolini di grasso dove prima non c’erano, un po’ di pancia in più e la maledetta cellulite.

Sappiamo benissimo che è troppo tardi per rimediare con la palestra o con la semplice ipo-alimentazione. Tra l’altro, sapevi che mangiare poco – oltre ad essere dannoso – non serve praticamente a nulla? Il nostro corpo è abituato ad “assorbire” un determinato quantitativo di nutrienti e grassi. Se eviti di alimentarlo – diciamo per 15 giorni – al 16esimo giorno qualunque cosa tu mangerai verrà totalmente assorbita. Ecco perché la “semplice dieta” non serve a nulla.

Ma per fortuna la scienza viene incontro a noi ragazze “in carne” offrendo ogni anno ritrovati sempre più raffinati ed efficaci che ci permetteranno di compensare li dove madre natura ci ha un po’ penalizzate.

Quest oggi analizzeremo quello che, a nostro avviso, è il miglior e prodotto per dimagrire. Abbiamo affrontato questa analisi insieme alla Dot.ssa Liza Barnett del Fitness & Coaching Professional di New York, che ha collaborato alla stesura e che ringraziamo apertamente per la disponibilità. Incominciamo: ecco il prodotto che ti farà SICURAMENTE dimagrire prima delle vacanze, i 7 benefici e dove comprarlo al prezzo più economico.

 

 

LA MIGLIORE OFFERTA DEL WEB PER PIPERINA E CURCUMA PLUS 

SCEGLI IL PACCHETTO CHE FA PER TE 

1 Conf. 60 capsule a 49€ 

2 Conf. 120 capsule a 59€

3 Conf. 180 capsule a 69€

I 7 Benefici di Piperina e Curcuma Plus

I 7 Benefici di Piperina e Curcuma:

 

1 Riattiva il Metabolismo:

Piperina e Curcuma Plus, grazie agli estratti vegetali del Pepe nero e della Curcuma riattivano il metabolismo bruciando i grassi adiposo. La Curcuma ha proprietà dimagranti, grazie al rizoma ricco di Curcumina e altri curcuminoidi, tuttavia il suo effetto dimagrante, se assunta da sola, sarebbe molto lento, ma grazie alla Piperina, un alcaloide caratteristico del Pepe nero che, oltre ad avere numerose proprietà, tra cui quelle toniche e termogeniche, favorisce l’assorbimento di diversi principi attivi, tra i quali i curcuminoidi, velocizzando il suo effetto Dimagrante di ben 3 volte.

COMPONENTI ATTIVI

Pepe Lungo: la piperina è un alcaloide caratteristico del pepe nero che, oltre ad avere numerose proprietà, tra cui quelle toniche e termogeniche, favorisce l’assorbimento di diversi principi attivi, tra i quali i curcuminoidi.

Curcuma: proprietà dimagranti derivanti dal rizoma ricco di curcumina e altri curcuminoidi. Favorisce inoltre la funzione epatica e digestiva.

 

2 Combatte la Cellulite:

Piperina e Curcuma possiede note proprietà lipolitiche, diuretiche e antinfiammatorie, utili per il trattamento degli accumuli della cellulite.

3 Combatte la fame:

Soffrire la fame quando si è a dieta rischia di far naufragare i migliori propositi. Ma Piperina e Curcuma serve anche per controllare l'appetito. I suoi principi attivi infatti migliorano la funzionalità della leptina, un ormone proteico che segnala al cervello quando è il momento di smettere di mangiare.

Se la grelina, secreta dallo stomaco, è l'ormone che stimola l'appetito, la leptina, sintetizzata a livello delle cellule adipose, è quello che lo blocca. Avere una forma di resistenza nei confronti della leptina, condizione che la curcuma contribuirebbe a contrastare, porterebbe a mangiare più del necessario e quindi, ovviamente, a ingrassare.

Se invece la fame è di tipo nervoso, ovvero è scatenata da situazioni di ansia o stress, ecco che in soccorso ci viene la capacità della curcumina di incrementare i livelli di serotonina e dopamina, due neurotrasmettitori coinvolti nella regolazione dell'umore, proprietà che ha fatto della spezia uno dei rimedi utilizzati anche nel trattamento della depressione.

 

4 Un aiuto contro infiammazioni e allergie:

La curcumina, il principio attivo primario della radice di curcuma, è in grado di inibire il rilascio di istamina, la molecola che attiva la reazione allergica. L’istamina può innescare ad esempio focolai di eczemi ed è nota anche per aumentare l’infiammazione nelle persone che soffrono di asma.

Diversi studi sia su animali sia sull'uomo, indicano che la curcumina può colpire diverse cellule del sistema immunitario, come i linfociti T, macrofagi, linfociti B e le cellule natural killer, determinando la diminuzione della gravità di varie malattie legate ad alterazioni della risposta immunitaria. È per questo motivo che Piperina e Curcuma può essere un utile supporto a chi soffre di condizioni allergiche.

 

5 Un toccasana per la pelle:

I guaritori ayurvedici utilizzavano la curcuma fresca per il trattamento di alcune malattie della pelle, tra cui l’acne e la psoriasi. Ciò che è certo oggi è che Piperina e Curcuma possa aiutare a proteggere i tessuti dai danni ossidativi e migliorare in modo significativo rimodellamento tissutale. Grazie dunque alle proprietà antiossidanti ci aiuta nel combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce delle cellule.

6 Un sostegno per la mente:

Un interessante studio del Dr Tze-Pin Ng ha dimostrato come persone over 60 anni che consumano curry (la cui componente base è la curcuma) sia saltuariamente sia costantemente, abbiano una performace cognitiva superiore a coloro che invece non hanno mai consumato curry.

Alcuni studi di laboratorio hanno mostrato che la proprietà neuroprotettiva di Piperina e Curcuma potrebbe giocare a favore del controllo di alcune malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Inoltre stimola la produzione della molecola DHA (acido docosaesaenoico), molto importante per la funzionalità cerebrale ed è anche in grado di ridurre gli stati di ansia.

 

7 Un’amica della salute in generale:

Come abbiamo visto, questa spezia può essere di grande aiuto per la nostra salute in generale grazie alle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti in primis. Non sottovalutiamo anche il suo ruolo antibatterico ad esempio durante l’inverno e malanni di stagione. Vi sono diversi studi che dimostrano come l’utilizzo della curcuma, anche insieme agli antibiotici, sia in grado di accelerare l’efficacia dei farmaci e di favorire il recupero da una infezione.

Troviamo poi evidenze di un effetto positivo della curcuma nei pazienti affetti da diabete e alcuni studi effettuati nei ratti mostrano un beneficio contro l’ipertensione. Infine ricordiamo che la curcuma è un ottima alleata del fegato, aiutandolo nella depurazione e disintossicazione.

 

 

LA MIGLIORE OFFERTA DEL WEB PER PIPERINA E CURCUMA PLUS 

SCEGLI IL PACCHETTO CHE FA PER TE 

1 Conf. 60 capsule a 49€ 

2 Conf. 120 capsule a 59€

3 Conf. 180 capsule a 69€